Frittelle con uvetta

Frittelle…e già il titolo mi fa venire voglia di mangiare!

A casa mia si sono sempre fatte nel periodo di carnevale, quindi per fortuna una volta l’anno! Ricordo che la ciotola strabordava di queste palline (anche se escono tutt’altro che tonde) passate nello zucchero, coperte con un canovaccio nel tentativo di nasconderle a noi bimbi! Tiepide sono “da volare via”, il giorno dopo, magari si asciugano un po’, ma sono ugualmente buone (volendo si possono anche scaldare un poco).

Vediamo come procedere e non vi spaventate perchè è una ricetta semplice (credo di non avere ancora fatto ricette complicate, magari lunghe, ma direi tutte fattibili).

 

INGREDIENTI

  • 500g di farina 00
  • 3 uova
  • 100g di zucchero
  • 25g lievito di birra fresco (solitamente è un cubetto)
  • 250 ml di latte
  • 1/2 bicchiere di rum(potete anche non metterlo, anche se a mio parere dona un buon aroma)
  • 100g di uvetta (ma abbondate pure se vi piace)
  • 1 pizzico di cannella in polvere
  • 1 pizzico di sale
  • scorza grattugiata di un limone
  • olio per friggere (o strutto se vi piace)
  • zucchero per decorare

Mettiamo in ammollo per 10 min l’uvetta un acqua tiepida (io aggiungo anche un pochino di rum) e facciamo sciogliere il lievito nel latte tiepido.

Prendiamo una ciotola capiente e mettiamo la farina , lo zucchero, il sale, la cannella, la scorza del limone grattugiata.

Uniamo le due uova intere, il lievito sciolto nel latte, il rum e mescoliamo bene.

Strizziamo l’uvetta e la infariniamo leggermente prima di aggiungerla alla pastella (questo ci eviterà che vada a fondo, così tutte le frittelle ne avranno un po’).

Mescoliamo, copriamo con la pellicola trasparente e lasciamo lievitare per 30 min.

In una padella o pentola dai bordi alti, mettiamo l’olio(profondo, le frittelle devono galleggiare), lo portiamo a temperatura e iniziamo a friggere piccole quantità di pastella.

Io mi aiuto con lo spallinatore del gelato o con due cucchiai.

Fate delle prove con una piccola cucchiaiata, così vi renderete conto di quanto lievitano e soprattutto del tempo che ci mettono per asciugarsi al centro. Se friggete a fuoco no troppo alto, le frittelle assumeranno un bel colore scuro e saranno perfettamente cotte, ma non bruciate.

Una volta trovato il giusto equilibrio, via di pastella! Scolate e fate asciugare su carta per fritti.

Ancora calde passatele nello zucchero!

Buona frittura e buona scorpacciata!!!

 

CONSIGLI

A meno che non dobbiate sfamare un esercito o abbiate una festa, fate poco impasto la prima volta che vi cimentate con queste frittelle; direi che una mezza dose è sufficiente per capire se vi piacciono, se vi riescono bene, quante ne vengono (mi raccomando, friggete poco impasto perchè gonfia molto e soprattutto deve potersi asciugare) e in quanto tempo vengono divorate.

Una volta ne avevo fatte veramente troppe e piuttosto di scoppiare, ho provato a congelarle ovviamente già fritte: si può!! Quando ne avevo voglia, prendevo quelle che mi servivano, 30 secondi al microonde(fate delle prove perchè il tempo può variare a seconda della potenza) e me le gustavo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *